Chi Comanda nelle Joint Venture in Cina?

timthumb.phpMalgrado la normativa sulle joint venture sino-straniere risalga a oltre trent’anni fa, gli imprenditori stranieri ancora incorrono in malintesi sui presupposti necessari per avere il controllo gestionale di una società in joint venture in Cina.

Il principale malinteso è che sia sufficiente la titolarità della maggioranza delle quote per poter controllare la joint venture.

Continua a leggere

Investire in Cina via Hong Kong: Attenzione alle Normativa Anti-Elusione

timthumb.phpUna delle ragioni, se non la principale, per cui un investitore straniero costituisce una società a Hong Kong (o Singapore) per investire in Cina è fiscale.

La Cina continentale ha con Hong Kong (Singapore e altre giurisdizioni) accordi in materia fiscale che prevedono, tra le altre cose, trattamenti fiscali più favorevoli per i dividenti distribuiti o le royalties pagate da una società nella Cina continentale a favore del proprio investitore a Hong Kong. Al riguardo, la Cina continentale ed Hong Kong hanno sottoscritto l’ Arrangement between the Mainland of China and the Hong Kong Special Administrative Region for the Avoidance of Double Taxation and the Prevention of Fiscal Evasion with respect to Taxes on Income.

Continua a leggere

Aprire un Ristorante in Cina: Licenze Necessarie

BJ_RestaurantRecentemente mi è capitato di discutere con alcuni imprenditori italiani quali siano i requisiti normativi per aprire un ristorante in Cina. Una delle principali questioni è che l’investitore deve prendere in affitto (o acquistare) il locale per il ristorante prima di poter avviare la procedura per la costituzione della società per servizi di ristorazione.

Ne consegue come sia estremamente importante che il locale sia idoneo, da un punto di vista normativo, ad ospitare un ristorante. Il rischio per l’investitore, altrimenti, è quello di non poter costituire la società e di rimanere intrappolato in un contratto di affitto di un locale che non può essere adibito a ristorante. Il danno economico sarà in questo caso notevole poiché l’investitore avrà già probabilmente pagato in anticipo due mensilità di deposito e tre mensilità di canoni di affitto.

Continua a leggere

E-commerce in Cina

u=4276811897,3571104215&fm=21&gp=0In Cina, un imprenditore straniero per vendere prodotti on-line deve costituire una società commerciale il cui oggetto sociale comprenda “vendita al dettaglio” oppure espressamente “vendita on-line”.

Da un punto di vista dei requisiti e approvazioni necessarie, inoltre, c’è una differenza importante tra la vendita on-line di prodotti propri (dove per “propri” si intende di proprietà) e la costituzione di una piattaforma on-line dove terzi possano aprire i loro negozi virtuali per la vendita dei loro prodotti (è il caso, ad esempio, delle piattaforme on-line Tmall360buy.com e Amazon.cn).

Vendita on-line di prodotti propri

Per la vendita on-line di prodotti propri, può essere costituita (o utilizzata una preesistente) società commerciale il cui oggetto sociale comprenda “vendita al dettaglio”. La definizione legislativa di vendita al dettaglio, infatti, include “vendita on-line”. Esempi molto noti sono i siti monomarca: www.zara.cn o www.uniqlo.cn Un esempio, invece, di una società straniera che vende on-line prodotti di abbigliamento di varie marche è Mixr.

Continua a leggere

Fare Retail all’Interno della Cina: Nanchang

ZaraSto arrivando a Nanchang con un volo notturno da Shanghai. Di notte, dall’alto, Nanchang ricorda un grande luna-park: un vivace gioco di luci colorate. Le banchine del Ganjiang, il fiume che attraversa la città, sono ornate di luminarie colorate. Luci adornano i ponti che collegano le due sponde del Ganjiang. Le torri del centro finanziario di Nanchang sono incorniciate di luminarie rosse e gialle. In cima, insegne di banche e compagnie di assicurazione brillano a luce intermittente. L’aereo, intanto, vira a destra e sinistra alla ricerca della pista di atterraggio…

Arrivato a terra, Nanchang presenta alcuni degli status symbol tipici di una capitale di una provincia cinese: un grande aeroporto con le navate di vetro, un’ampia superstrada che collega l’aeroporto al centro della città con, ai lati, siepi curate.

Continua a leggere

Registrazione di Nomi di Dominio: Email Sospette

Di frequente i nostri clienti ci informano di aver ricevuto comunicazioni che un loro marchio sarebbe in procinto di essere registrato da un terzo come nome di dominio internet.

Queste comunicazioni sono inviate, con una certa insistenza, da organizzazioni che si definiscono agenti per la registrazione di domini internet.

Anche pochi giorni orsono un cliente mi contattava per un parere su di un’e-mail appena ricevuta da un sedicente Asian Domain Registration Service.

Continua a leggere

Vino Amaro

La Corte Intermedia del Popolo di Wenzhou Condanna una Società Vinicola Francese a Risarcire 33 Milioni di RMB

Ad aprile di quest’anno la Corte Intermedia del Popolo di Wenzhou (la terza città della provincia dello Zhejiang) ha condannato un gruppo francese produttore e commerciante di vini (Castel Freres SAS) e il suo distributore cinese al pagamento di circa 33 milioni di RMB (circa quattro milioni di Euro) per violazione di un marchio registrato in Cina.

Continua a leggere

Investire in Cina via Hong Kong

Alcuni giorni fa un cliente mi chiedeva vantaggi e svantaggi nel costituire una società commerciale a Hong Kong rispetto alla Cina continentale.

Ho risposto che Hong Kong è politicamente parte integrante della Cina, ma che ha tuttavia un proprio sistema legale, fiscale e doganale basato sul modello inglese.

Continua a leggere

Contraffazione Online: Buone Notizie per i Brand Owners?

La Corte Suprema della Repubblica Popolare Cinese ha pubblicato una raccolta delle più importanti sentenze del 2011 in materia di tutela della proprietà intellettuale (17 aprile 2012).

In Cina i precedenti non hanno valore vincolante. Tuttavia, le sentenze delle corti di merito scelte dalla Corte Suprema (è questa una prassi adottata dal 2007) sono destinate ad avere una particolare autorevolezza.

Continua a leggere

Nuove opportunita’ per il franchising in Cina

La rimozione, nel nuovo Catalogo degli Investimenti Stranieri in Cina, del franchising dalla categoria degli investimenti soggetti a restrizioni rappresenta un segno di apertura verso gli investitori stranieri del settore, non solo i grandi gruppi multinazionali ma anche le piccole e medie imprese. Segue qui di seguito una breve panoramica della disciplina del franchising in Cina.

Continua a leggere