Previdenza Sociale Stranieri: Aggiornamento

Il 15 ottobre 2011 è entrato in vigore il provvedimento di esecuzione del Governo Centrale in materia di previdenza sociale obbligatoria degli stranieri. Questa data, tuttavia, è passata senza che succedesse nulla. A Shanghai (e anche a Pechino) gli uffici del lavoro non hanno emesso regolamenti locali di esecuzione che consentano di dare attuazione agli obblighi contributivi dei lavoratori stranieri. Non ci sono indicazioni su quando questo sarà fatto.

Per il momento tutto rimane sospeso in attesa di questi regolamenti locali che dovrebbero, tra le altre cose, chiarire:

  1. se, e a quali condizioni, i lavoratori stranieri debbano pagare anche i contributi per la disoccupazione. Gli stranieri disoccupati, infatti, difficilmente saranno in grado di beneficiare di indennità di disoccupazione perché, in caso di disoccupazione, anche il premesso di soggiorno va – a rigore – revocato e bisogna lasciare la Cina;
  2. se, e a quali condizioni, i lavoratori stranieri debbano pagare anche i contributi per la maternità. Questo è collegato alla questione se consentire o meno alle lavoratrici straniere di beneficiare appieno (ossia indipendentemente dal numero di figli) dell’assistenza previdenziale di maternità oppure – ma sarebbe piuttosto anomalo – estendere anche a loro le stesse limitazioni imposte alla lavoratrici cinesi in virtu’ della politica del figlio unico;
  3. la data di decorrenza di pagamento dei contributi: se dalla data di entrata in vigore del regolamento di esecuzione locale oppure, con efficacia retroattiva (ma sembra piuttosto improbabile), dall’entrata in vigore della legge sulla previdenza sociale (1 luglio 2011) o del regolamento esecutivo in materia del Governo Centrale (15 ottobre 2011).

Uno scenario possibile è che i lavoratori stranieri saranno tenuti, almeno in una fase iniziale, “soltanto” al pagamento dei contributi per pensione, malattia ed infortuni sul lavoro (esclusi quindi disoccupazione e maternità). Questa è la situazione a Shanghai dal 2009, ma su base volontaria.


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>