Timbri Sociali: Perché Sono Importanti

company-chopAlcuni giorni fa un imprenditore mi chiedeva quali fossero le conseguenze del fatto che il general manager della sua società in Cina “si fosse preso i timbri”.

Non è questa una situazione inusuale. Alle volte, infatti, è il general manager, altre volte è il socio (non necessariamente cinese) oppure la contabile di turno a prendersi i timbri sociali e a voler dettare le condizioni (di solito economiche) per la loro riconsegna.

Quella dei timbri è una questione che ancora lascia sconcertato chi non lavora abitualmente con la Cina. Spesso non è chiaro quali siano i timbri sociali e quale sia il loro valore.

Continua a leggere

Chi Comanda nelle Joint Venture in Cina?

timthumb.phpMalgrado la normativa sulle joint venture sino-straniere risalga a oltre trent’anni fa, gli imprenditori stranieri ancora incorrono in malintesi sui presupposti necessari per avere il controllo gestionale di una società in joint venture in Cina.

Il principale malinteso è che sia sufficiente la titolarità della maggioranza delle quote per poter controllare la joint venture.

Continua a leggere

Investire in Cina via Hong Kong: Attenzione alle Normativa Anti-Elusione

timthumb.phpUna delle ragioni, se non la principale, per cui un investitore straniero costituisce una società a Hong Kong (o Singapore) per investire in Cina è fiscale.

La Cina continentale ha con Hong Kong (Singapore e altre giurisdizioni) accordi in materia fiscale che prevedono, tra le altre cose, trattamenti fiscali più favorevoli per i dividenti distribuiti o le royalties pagate da una società nella Cina continentale a favore del proprio investitore a Hong Kong. Al riguardo, la Cina continentale ed Hong Kong hanno sottoscritto l’ Arrangement between the Mainland of China and the Hong Kong Special Administrative Region for the Avoidance of Double Taxation and the Prevention of Fiscal Evasion with respect to Taxes on Income.

Continua a leggere

Aprire un Ristorante in Cina: Licenze Necessarie

BJ_RestaurantRecentemente mi è capitato di discutere con alcuni imprenditori italiani quali siano i requisiti normativi per aprire un ristorante in Cina. Una delle principali questioni è che l’investitore deve prendere in affitto (o acquistare) il locale per il ristorante prima di poter avviare la procedura per la costituzione della società per servizi di ristorazione.

Ne consegue come sia estremamente importante che il locale sia idoneo, da un punto di vista normativo, ad ospitare un ristorante. Il rischio per l’investitore, altrimenti, è quello di non poter costituire la società e di rimanere intrappolato in un contratto di affitto di un locale che non può essere adibito a ristorante. Il danno economico sarà in questo caso notevole poiché l’investitore avrà già probabilmente pagato in anticipo due mensilità di deposito e tre mensilità di canoni di affitto.

Continua a leggere

E-commerce in Cina

u=4276811897,3571104215&fm=21&gp=0In Cina, un imprenditore straniero per vendere prodotti on-line deve costituire una società commerciale il cui oggetto sociale comprenda “vendita al dettaglio” oppure espressamente “vendita on-line”.

Da un punto di vista dei requisiti e approvazioni necessarie, inoltre, c’è una differenza importante tra la vendita on-line di prodotti propri (dove per “propri” si intende di proprietà) e la costituzione di una piattaforma on-line dove terzi possano aprire i loro negozi virtuali per la vendita dei loro prodotti (è il caso, ad esempio, delle piattaforme on-line Tmall360buy.com e Amazon.cn).

Vendita on-line di prodotti propri

Per la vendita on-line di prodotti propri, può essere costituita (o utilizzata una preesistente) società commerciale il cui oggetto sociale comprenda “vendita al dettaglio”. La definizione legislativa di vendita al dettaglio, infatti, include “vendita on-line”. Esempi molto noti sono i siti monomarca: www.zara.cn o www.uniqlo.cn Un esempio, invece, di una società straniera che vende on-line prodotti di abbigliamento di varie marche è Mixr.

Continua a leggere

Investire in Cina via Hong Kong

Alcuni giorni fa un cliente mi chiedeva vantaggi e svantaggi nel costituire una società commerciale a Hong Kong rispetto alla Cina continentale.

Ho risposto che Hong Kong è politicamente parte integrante della Cina, ma che ha tuttavia un proprio sistema legale, fiscale e doganale basato sul modello inglese.

Continua a leggere

Fare ristorazione in Cina, i modelli societari possibili

Questo è il primo di una serie di post dedicati ai modelli societari disponibili per esercitare l’attività di ristorazione in Cina.

Ci sono essenzialmente due modelli societari per la conduzione di attività di ristorazione (ossia conduzione di un ristorante o di un bar/caffè):

  1. società di gestione nel settore della ristorazione (餐饮管理公司);
  2. società di ristorazione (餐饮公司).

Questo post prende in esame il primo modello.

Continua a leggere

Incentivi agli Investimenti in Cina: 10 Punti cui Fare Attenzione

In Cina i governi locali (anche a livello di distretto o di parco industriale) spesso offrono incentivi fiscali e di altro genere per attirare investitori stranieri (e non solo).

Il godimento di questi incentivi è soggetto a limitazioni e, alle volte, può comportare dei “costi occulti” per l’investitore. Di solito ne’ le limitazioni ne’ i costi sono adeguatamente evidenziati dalle autorità locali.

Continua a leggere

Incentivi e Agevolazioni agli Investimenti in Cina: Come Prevenire “Sorprese”

In Cina, è ricorrente che governi locali, parchi industriali, o zone franche doganali offrano incentivi fiscali o agevolazioni a chi decida di investire nel territorio di propria competenza. Tra le agevolazioni più ricorrenti ci sono quelle fiscali (“rimborsi fino al 100%”) e quelle riguardanti l’affitto di un ufficio per la registrazione della società (“affitto gratuito”).

Continua a leggere